Corpino Base Per Magliette In Tessuti Elastici [Cartamodello]

Finora, come modello, per le mie magliette mi sono accontentata di riprendere le fattezze di qualche maglia già presente nel mio guardaroba, utilizzandola ripiegata in due lungo il centro, poggiata direttamente sulla stoffa come se fosse lei stessa un cartamodello.

Nonostante gli indubbi vantaggi di questa tecnica come l’immediatezza del procedimento e il poter evitare di procurarsi un cartamodello fatto e finito o di doverne crearne uno ad hoc. Col tempo ho incominciato a sentire l’esigenza di rendere un po’ meno estemporanea la cosa e di fissare il tutto in un, fino a questo momento evitato come la peste, cartamodello.

Il motivo di tanta avversione per il disegno di modelli è il mio totale analfabetismo riguardo il patternmaking e il fatto che finora non avevo trovato un metodo che mi soddisfacesse quanto a facilità di utilizzo e gradevolezza del risultato finale. Questo fino a quando ho scoperto il canale YouTube di una signora di nome Marlene Mukai che insegna il suo metodo personale per disegnare cartamodelli.

Qui riproporrò il cartamodello per un corpino base in tessuto elasticizzato ottenuto mixando la tecnica utilizzata da Marlene per i modelli in tessuto normale e quella utilizzata per i modelli in tessuto elastico.

Per prima cosa dobbiamo determinare l’elasticità del nostro tessuto servendoci di un righello o di un metro. Prendiamo il tessuto ripiegato in due perpendicolarmente rispetto alle cimose e lo misuriamo prima e dopo averlo tirato, avendo cura di non distorcere troppo il tessuto.

test elasticità 1

test elasticità 2

Nel mio caso la stoffa ha una percentuale di elasticità del 25% circa.

Per disegnare il cartamodello dovremo togliere dalle nostre misure una percentuale pari circa al 10%, infatti ridurre del 25% sarebbe eccessivo e può essere fatto solo per indumenti molto attillati tipo la biancheria intima.

Per chi volesse una spiegazione più approfondita ecco il video originale: base corpino in maglia

A questo punto ho seguito le direttive utilizzate nel video su come ottenere la base di una blusa

Procedimento per la base di un corpino in maglia

serviranno le seguenti misure:

  • circonferenza seno
  • circonferenza vita
  • circonferenza fianchi
  • spalla
  • altezza fino alla vita
  • altezza vita-fianchi

ora riduciamo del 10%, come spiegato prima. Tale riduzione va applicata a tutte e tre le circonferenze, che poi andranno divise per 4, e alla misura della spalla, invece l’altezza totale andrà ridotta solo di 1 cm.

I due rettangoli dell’inquadramento sono uguali sia per il davanti che per il dietro, ne tracciamo quindi due larghi 1/4 circ. seno (a cui era stato sottratto il 10%) e dell’altezza desiderata, nel mio caso fino ai fianchi meno 1cm. Ho segnato anche l’altezza della vita.

Inquadramento

 

Procediamo col disegnare il collo e la spalla:

la larghezza del collo è pari a metà della spalla e la profondità, nel davanti, è pari a questa misura più 2; nel dietro la profondità del collo e di 2cm.

La spalla è uguale in entrambi i tracciati: ci spostiamo verso destra della misura della spalla e ci abbassiamo di 3cm.

Collo e spalla

Ora lo scalfo manica: scendiamo con una linea retta dall’estremità della spalla della misura della spalla più 4cm e tracciamo una linea orizzontale che rappresenta il punto più basso dello scalfo. Troviamo la metà della linea verticale e in questo punto rientriamo di 1cm per il davanti e 0,5cm per il dietro, la curva dello scalfo dovrà passare a metà tra questo punto e la linea orizzontale.

Scalfo manica

Infine riportiamo sulla linea della vita e su quella dei fianchi le relative misure e colleghiamo i punti.

cartamodello finito

Una volta terminato il busto passiamo alla manica. Per la manica ho seguito le direttive di questo video: cartamodello spalla , applicando una riduzione del 10% alle larghezze e riducendo di 1cm la lunghezza totale.

Procedimento per la base di una manica in tessuto elastico

serviranno le seguenti misure:

  • circonferenza braccio (misurata appena sotto l’ascella con il braccio piegato)
  • circonferenza polso
  • spalla
  • lunghezza totale (misurata dalla spalla fino al polso, anche qui con il braccio piegato)

Come per il corpino ho ridotto le circonferenze del 10% e accorciato la lunghezza di 1cm.

Tracciamo un rettangolo per l’inquadramento della larghezza della circonferenza braccio (cui sottrarremo il 10%) più i 3cm di abbassamento della spalla (vedi disegno del corpino) e alto come la lunghezza totale della manica meno 1 cm. Disegniamo anche la metà del rettangolo e l’ingombro della testa della manica abbassandoci della misura della spalla, questa volta senza riduzione del 10%.

inquadramento manica

Tracciamo poi le diagonali della parte alta della manica, le suddividiamo in 4 parti e tracciamo i punti che ci permetteranno di tracciare le curve della testa della manica.Diagonali testa manicatesta manica

Non resta che suddividere la misura del polso (meno il 10%) in due e segnarla sul tracciato a partire dalla linea centrale, colleghiamo i punti ed ecco la nostra manica conclusa.

manica finita

La manica così ottenuta può essere modificata a piacimento per ottenere maniche più corte.

Cosa ve ne pare di questo metodo per disegnare cartamodelli, io ne sono rimasta particolarmente colpita per la sua semplicità che permette comunque di ottenere un risultato di tutto rispetto. E voi quale quale tecnica utilizzate?

Taggato , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *